Facebook Emoticon

benvenuti a casa della stronza

Questa è la casa della Stronza Jenny, una dimora in cui vigono regole tutte strane e che potreste non accettare, ma a me che me ne fotte?

lunedì 18 febbraio 2013

Frankenweenie, reboot/vendetta burtoniana


Frankenweenie, dolce bianco e nero



ATTENZIONE SPOILER

USA,  2012, 87 minuti, B/N, animazione, horror, commedia, Regia, soggetto e produzione Tim Burton,  Sceneggiatura, John August, Produttore Allison Abbate, Montaggio Chris Lebenzon, Mark Solomon, Musiche Danny Elfman, Scenografia Rick Heinrichs

Doppiatori originali: Charlie Tahan, Winona Ryder, Catherine O'Hara, Martin Short, Martin Landau, Atticus Shaffer, Robert Capron, Conchata Ferrell, James Hiroyuki Liao, Christopher Lee

Doppiatori Italiani: Andrea Di Maggio, Veronica Puccio, Chiara Colizzi, Mauro Gravina, Omero Antonutti, Massimo Corvo, Arturo Valli, Lorenzo Crisci, Alex Polidori, Agnese Marteddu, Gualtiero Cannarsi


Trama



Victor ha un bull terrier amatissimo, Sparky. Il cagnolino viene investito da un'automobile. Victor riesce a resuscitare il cane rimettendone insieme i pezzi. Non è bello da vedere, ma è il suo miglior amico e decide di nasconderlo in casa. Nel frattempo a scuola è indetta una competizione scientifica da uno strano prof di scienze e così i compagni di Viktor, scoperta l’impresa del compagno, tentano di riprodurre l’esperimento sui propri animali defunti, con risultati inimmaginabili.
Sparky fugge e semina il terrore nella città, Victor dovrà convincere amici e vicini che si tratta del suo cane e non di un mostro, mentre nel frattempo vere minacce si prospettano sulla città... 




Il film come lo ha visto la Stronza


Realizzato in stop motion e 3D, Frankenweenie è l’adattamento e reboot del cortometraggio in carne e attori dell’84 dello stesso Burton. Per il nome, l'autore fa riferimento, ovviamente a Frankenstein di Mary Shelley a cui aggiunge weenie, ovvero miserabile.
Burton ha una fissa per Frankenstein - convive con la bravissima Helena Bonham Carter, che recitò in  Frankenstein di Mary Shelley nel '94 di Kenneth Branagh - e i temi riguardanti le discriminazioni, senza contare i gusto che prova a disseminare tutte le sue opere di auto-riferimenti continui, come i cimiteri, cani morti, gatti neri di passaggio e gusto estetico gotico alla The Cure.
Un lungometraggio al sapore di vendetta, questo è il reboot plasticoso del cortometraggio che gli costò la collaborazione con la Disney. 
Nel complesso il cartone si presenta di pregevole fattura, Burton è un regista di classe, che tratta con il proprio tocco delicato e poetico argomenti e storie, che se trattate altrimenti  da altre menti sarebbero destinate al pattumiera della differenziata. 
Solitudine e malinconia, nebbie e foschie, arti allungati e il bianco e nero da descrivere con tre aggettivi: eleganti, poetici, lentissimi.
Il tempo è relativo e il tempo dell'assenza si dilata e dilania, la mancanza e i miei sentimentalismi, come i miei cambi di umore al limite della schizofrenia mi hanno sempre fatto apprezzare i lavori di Tim Burton.
Seppur diversissimi, tutti i suoi lavori sono riconoscibili, hanno una firma, così anche se risulta l'oppiosto del solito Burton, apprezzo moltissimo Mars attaks, Il pianeta delle scimmie, mentre sembrano più coerenti l'irriverente Beatle Juice e mi sono anche innamorata di Edward mani di forbice per poi adorare la stop motion, che nelle sue mani è capolavoro.
Frankenweanie è un lavoro alla maniera di Tim l’artista, preme sui tasti del pianoforte poetico e nostalgici riferimenti al mondo cinematografico horror e fantascientifico del passato, ma soprattutto della letteratura gotica di Shelley, Byron e Braham Stoker, ma anche ricco di luoghi burtoniani in bianco e nero, scelta per esaltare luci ed ombre dei temi trattati.
I riferimenti sono utilizzati con fantasia nei nomi dei protagonisti, nella critica alla classe media retrograda e dai facili, veloci e spesso errati giudizi e nel lieto fine.
Si potrebbe affermare che Burton sia l’unico autore in grado di fare il lifting allo stile, merito di questa favola triste e delicata e che soffre un’eccessiva lentezza della prima parte di film, in grado di commuovere lo spettatore, senza però annoiare. Bello, ma lento.

8-/10

10 commenti:

  1. Condivido il voto, anche se non l'ho trovato per nulla lento.
    Fortunatamente Burton è tornato a convincere dopo quelle due schifezze di Alice e Dark shadows.

    Ma come fai a dire che la Bonham Carter è bellissima!?!? Sta un mezzo cesso! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) bene, probabilmente torna a convincere perché è ritornato sui suoi passi, riproponendo se stesso. Per me è stato lentissimo...

      Elimina
    2. io nel post leggo bravissima, non bellissima...

      comunque questa volta sono d'accordo con ford, la bonham carter non è per nulla bona. :)
      e il film non è lento!!!

      Elimina
    3. Allora, com'è che siete rivali, praticamente siete d'accordo su tutto! La Bonham è di quella bruttezza simpatica e , somiglia al mio bouledogue Kira, per me stupenda iperbole della bellezza...
      Mica mi fa schifo ho detto lento, almeno nella prima parte.

      Elimina
  2. Uno dei film della stagione che non ho ancora visto, e questa tua rece me ne fa venire ancora più voglia. Condivido il parere sui film precedenti di Burton, adoto Il pianeta dell scimmie e Mars attaks, mentre mi avevano deluso gli ultimi...Dark shadows per esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi è piaciuto moltissimo, anche se come ho detto e ribadisco, mi è sembrato lento fino a metà film, poi improvvisamente prende una piega da action movie ;)
      Alice mi è sembrato carino e sottotono, mentre Dark non l'ho visto. Spero comunque di rifarmi, comunque si tratta di burtonate!

      Elimina
  3. Manca anche a me questo film e pure io trovo Il pianeta delle scimmie uno dei migliori Burton (con Edward mani di forbice, Edwood), mentre gli ultimi mi avevano infastidito... e poi per me Helena Bonham Carter è una donna molto affascinante. Ma i gusti sono gusti ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare comune la sensazione dovuta ai deludenti ultimi lavori di TB. Comunque Helena è indubbiamente affascinate, una bellezza insolita e piena di mistero, di certo non una di quei vuoti replicanti che circolano nell'etere di questi periodi. W la bona Bonham!

      Elimina
    2. abbasso la bonham e abbasso il pianeta delle scimmie!

      Elimina
    3. A te piacciono le Rosse :P e usi un esercito di scimmie per farti aiutare nell'impresa di distruggere gli altri... hihihi

      Elimina

lasciare un commento è sexy ;)

Twitter Followers

Google+ Followers

networkedblogs