Facebook Emoticon

benvenuti a casa della stronza

Questa è la casa della Stronza Jenny, una dimora in cui vigono regole tutte strane e che potreste non accettare, ma a me che me ne fotte?

martedì 19 febbraio 2013

The words, le parole sprecate

Fare le matrioska, a parole 



ATTENZIONE SPOILER



2012, 97 min, Genere drammatico, romantico, Regia e sceneggiatura Brian Klugman, Lee Sternthal, Produttore Michael Benaroya, Tatiana Kelly, Jim Young, Produttore esecutivo Laura Rister, Cassian Elwes, Fotografia Antonio Calvache, Montaggio Leslie Jones, Musiche Marcelo Zarvos, Scenografia Michele Laliberte, Costumi Simonetta Mariano,Trucco Melissa Fafard

Starring: Bradley Cooper, Zoe Saldana, Olivia Wilde, Jeremy Irons, Dennis Quaid, Ben Barnes, J. K. Simmons, John Hannah, Željko Ivanek, Michael McKean, Ron Rifkin


Trama


Uno scrittore, scrive di uno scrittore che ha rubato il libro di uno scrittore che scrive di se stesso, ma in realtà è il primo scrittore che scrive di sé stesso e forse è lui ad aver rubato il libro.


Il film come lo ha visto la Stronza

Narrazione in più livelli, per una trama semplice e non molto elaborata, ma che avrebbe voluto essere di più.
Una regia/sceneggiatura a 4 mani, ma sembra essere stata terminata bruscamente in maniera frettolosa, senza la cura necessaria. 
Perchè seppur le storie nelle storie, nelle storie, siano poco interessanti singolarmente, nell'insieme divengono un pastrocchio.
I personaggi lasciano intendere di essere più di quello che i Klugman e Sternthal fanno vedere sul grande schermo e lasciano un senso d'inconcludenza, non tanto nelle trame e nelle storie, quanto nelle sensazioni, sentimenti e volontà, qui solo evocate.

Non è un brutto film, fatto da una regia semplice e mediocre, una fotografia basilare di cui non si ricorda nulla, come del resto di tutto il film.
La sceneggiatura sfrutta i cliché dello scrittore fallito e delle famiglie pazienti e dell'amore triste a Parigi, non è innovativa ed anch'essa non ha nulla di memorabile, l’idea ed il tema sono state trattato meglio in altre occasioni, in parte con Scoprendo Forrest.
Il cast non è malaccio, le interpretazioni sono riuscite,  soprattutto Dennis Quaid, anche se trovo il protagonista, Bradley Cooper non al meglio e insopportabile Zoe Saldana, noiosa e fastidiosa come ai tempi in cui faceva la ballerina perfettina in Il ritmo del successo e quando in  Crossroads - Le strade della vita, ha recitato, e sottolineo RECITATO, con Britney Spears, per rimembrarle l'orribile lavoro fatto in questo film ci vorrebbe un: VERGOGNA!
Non mi è dispiaciuta Olivia Wilde, anche se non ne comprendo la funzione, si sarebbe potuto trovare un'altro espediente per la narrazione, o serviva un po' di beltade?
Non ho compreso fino in fondo la scelta della scena finale, un'inquadratura imbarazzante.
Interessante l'interpretazione di Jeremy Irons, tremolate e vecchiardo.
Francamente comprendo tutti i critici che oltreoceano hanno stroncato la pellicola, definendola noiosa, ridicola, l'apoteosi delle buone intenzioni disattese e chiedendo al protagonista, Cooper, più attenzione nella scelta dei copioni, considerando il suo talento.
Sul NY Post la frase emblema del film è stata: "Bradley Cooper’s funniest movie since “The Hangover” — unfortunately, unintentionally this time ".
Ok ora mi sono sfogata e torno me stessa, non prima di suggerirvi questo link, se avete voglia di leggere i pareri oltreoceanici: http://www.rottentomatoes.com/m/the_words/ 
Tutto sommato è un film guardabile, non eccellente, non memorabile, ma non una schifezza completa.

Voto 6-/10

8 commenti:

  1. Interessante l'idea di base, poi si perde un pò. D'accordo sul voto 5,5 6-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante, ma sviluppata orrendamente. :)

      Elimina
  2. finalmente hai dato un'insufficienza! seppure appena appena.
    zoe saldana inoltre ha fatto quell'orrore di avatar. al confronto crossroads è quasi un capolavoro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho citato volutamente, Avatar non mi piacque come storia, salvo solo il lavoro dei grafici e dei programmatori. In realtà il voto è 5,5, ma l'ho aumentato perché mi brucerei le possibilità di conoscere Bradlay...

      Elimina
  3. Mi manca. Ma che fighissimo il tuo modo di valutare un film...:-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina :) mi piace ricevere i complimenti :D
      Il tuo blog è molto interessantissimo! ;)

      Elimina
  4. ...non l'ho visto...
    varrà la pena di recuperare un 6 su 10?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patalice! Benvenuta nei commenti, premetto che le discussioni sembreranno folli il più delle volte. Comunque, recuperalo solo ed esclusivamente se non hai nulla da vedere. Perché non fa schifissimo, però è insignificante.

      Elimina

lasciare un commento è sexy ;)

Twitter Followers

Google+ Followers

networkedblogs