benvenuti a casa della stronza

Questa è la casa della Stronza Jenny, una dimora in cui vigono regole tutte strane e che potreste non accettare, ma a me che me ne fotte?

What about me?

Nata a Bonn, il 22 agosto 1986, si ritrova a convivere con il dramma di essere nata in una repubblica che non esiste. Buona e cara, ma con super io ipercinico

Riesce a sopravvivere a sé stessa da quando è nata, se pur con alterne vicende e casi conclamati di tanatosi

Professionista dell'ozio, ha svolto e svolge lavori che non hanno nulla a che fare uno con l'altro, ma è soprattutto una dormitrce professionale - anche 20 ore di seguito

E' ristoratrice da quando ne ha memoria

Dal gennaio 2012 nasce ufficialmente DoubleCut production, colettivo artistico di produzione audiovisiva, co-fondato da ella nel ruolo di tuttofare nientesapere, 2011 - ad oggi e svolge il ruolo sceneggiatrice, produttrice-produttrice esecutiva, attrice, fotografa e fotografa di scena, truccatrice. E' l'unico membro senza membro del collettivo

Ha riscoperto nel 2010 la propria passione per il giornalismo e si è avviata alla professione di fotoreporter, fotografa presso OtrantoOggi.it in una posizione piuttosto precaria ed un suo reportage fotografico è disponibile su DireDonna .Dunque, fa la  giornalista PerModoDiDire dal 2011 ad oggi

Crea, nel marzo del 2012, 123Stronza, in cui fa pratica come cinica professionista, ruolo presunto dal 1986 - ad oggi

Frequenta con sommo insuccesso l'Università del Salento, Tecnologie per i BBCC, 2005 - e non si è ancora decisa a laurearsi

Negli ultimi due anni ha preso parte e lavorato a diversi cortometraggi e lungometraggi in vari ruoli del cast tecnico ed artistico, ha organizzato e presentato eventi letterari, culturali e culinari nel proprio paese d'origine

Nel 2012 ha partecipato alla collettiva fotografica otrantina femminile curata da Dino Longo, tenutasi da luglio a settembre 2012, presso Porta Terra ad Otranto.

Presso il ginnasio-liceo Francesca Capece ha frequentato senza impegno il Liceo classico, dal 2001 al 2005 anno in si è diplomata, durante quegli anni ha preso parte a Skolè, Edizioni Capece - raccolta cartacea di poesie e racconti dell'istituto -, è stata attrice presso il corso di teatro classico, dove rivestiva puntualmente il ruolo di messaggero con lunghi monologhi strappapalle e deprimenti ed al giornale d'istituto Mai Dire Capece, del quale è stata due volte vice-caporedattore e direttore-caporedattrice nel 2004/2005

Ora è impiegata come promoter per l'Otranto Jazz Festival-OJF e spera di riuscire a prendere il tesserino da giornalista pubblicista, prima che lo stesso perda valenza o venga definitivamente abolito

Precedentemente ha fatto la cameriera, receptionist, cassiera e continua a farlo sporadicamente, essendo attività e proprietà di famiglia, al ristorante Le Torri di Otranto

Scrive poesie fin da quando aveva 8 anni, disegna da sempre ed è fidanzata dal 2003 con il Rompicazzo Marco, che non è sui social network, lui. 
Pocomale, compensa LaStronza, che per i da poco citati ha dimostrato una specie di ossessione maniacale

Cucina in maniera passionale e semi-professionale da quando ha 12 anni ed ha inventato numerose e segretissime ricette

Conosce ed apprezza vini e birre da quando aveva 16 anni, mangia bene e non ha conosciuto il cinema fino all'età di 14 anni ed è riuscita a disintossicarsi dalla sua dipendenza televisiva verso i 17 anni, quando fidanzatasi con il Rompicazzo scopre la propria passione per il cinema, le serie Tv e approfondisce la conoscenza della musica Metal, che pure apprezzava da prima

Cinefila e cinofila, ha tre gatti e un bouledogue francese di nome Kira, nata nel maggio 2007, mutuato dal protagonista della serie anime Death Note

Ha fatto danza classica tra i 6 e gli 8 anni, poi decise che preferiva fare il Pas de Cat sulla gente, e non per loro, che le stava sui maroni ed inizia un lungo viaggio nello studio delle arti marziali

a partire dagli 8 anni e per i 10 a seguire pratica Karatè Shotokan, divenendo I dan e raggiungendo ottimi risultati a livello nazionale nelle competizioni di combattimento libero, rompendosi il naso almeno un paio di volte
Ha poi intrapreso lo studio intermittente delle arti marziali cinesi

Atipica, asociale ed anaffettiva, non ama essere toccata e da piccina le favole se le leggeva sola, mentre ora se le racconta, come regali ama soldi, libri, cibi e bevande, necessariamente in questo ordine

Se potesse non lavorerebbe

Il resto è sul blog





4 commenti:

  1. ahahaha :)
    fantastica questa autobiografia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hehehe, grazie dell'apprezzamento! Se ti ho fatto ridere sono riuscita nell'intento prefissato.
      Ci tengo a precisare che è tutto vero quello che ho scritto, per quanto possa sembrare paradossale.
      Aspetto sempre con ansia i tuoi suggerimenti! ;)

      Elimina
  2. Se potessi non lavorerei neanche io, cazzo.

    RispondiElimina

lasciare un commento è sexy ;)

Twitter Followers

Google+ Followers

networkedblogs